VI NapleSMeeting

11 dicembre 2020 DIGITAL CONGRESS
ACCEDI AGLI ATTI DEL CONGRESSO 2020

SI RICORDA CHE LE REGISTRAZIONI DELLE RELAZIONI DEL CONGRESSO (NO ECM) RESTERANNO  ON LINE FINO AL 30 APRILE 2021 E SARA’ POSSIBILE FRUIRNE DIRETTAMENTE DA QUESTA PIATTAFORMA

 

About us

Programma

Razionale Scientifico

Sclerosi Multipla (SM) – la più frequente patologia neurologica cronica ad etiologia autoimmune del sistema nervoso centrale – viene solitamente diagnosticata nel giovane adulto. Non di rado, però, la SM esordisce in età pediatrica (SM-PED): nel 3-10% dei casi prima dei 16 anni e nell’1%prima dei 10 anni. Negli ultimi anni l’incidenza della SM-PED risulta in aumento, probabilmente anche per un avanzamento nelle conoscenze e nella accuratezza diagnostica.
La prima parte della VI edizione del NapleSMeeting sarà quindi totalmente dedicata ad un approfondimento sulla SM-PED e sulle patologie affini, affrontando anche il tema cruciale della diagnosi differenziale.
La seconda parte del meeting sarà dedicata, invece, ad un aggiornamento sulle tematiche più attuali in ambito SM. La pandemia di COVID-19 ha stravolto l’attività assistenziale, così come le possibilità di incontro e aggiornamento nella comunità medica e scientifica. Abbiamo quindi pensato di condensare i top trends del 2020 in ambito SM, in modo da permettere un aggiornamento e un confronto tra gli esperti e gli operatori.
Inizieremo con il tema del momento, il COVID-19 e le sue ripercussioni sulla gestione terapeutica e sulle condizioni psicologiche dei pazienti con SM, passando poi alle nuove terapie in arrivo e in sperimentazione, per poi terminare con le ultime novità in merito ai biomarkers (laboratorio e neuroimmagini) e alle metodiche di intelligenza artificiale.
A causa delle limitazioni dovute alla pandemia mancherà, purtroppo, la “magica” cornice di Napoli e dunque il NapleSMeeting si svolgerà in modo virtuale. Nondimeno, il meeting sarà impreziosito dalla partecipazione – come ogni anno – di key opinion leader nazionali ed internazionali che stimoleranno il confronto e l’interazione tra moderatori, relatori e discenti.